La "Decima Flottiglia MAS"

 

Si tratta di un reparto speciale della marina, preesistente, il cui comandante Junio Valerio Borghese rifiutò l'armistizio ritenendo più corretto continuare a combattere a fianco dell'alleato tedesco. Si aggregarono all'esiguo numero di marinai (tra i 100 ed i 200) della sede di Muggiano (SP) via via migliaia di volontari, tanto che la Xa può essere considerata numericamente a livello di una Divisione leggera.

Mantenne una certa autonomia rispetto all'E.N.R. (Esercito Nazionale Repubblicano) e il suo comandante approfittò di ciò per impegnare su vari fronti i suoi reparti, spesso forzando le volontà delle FF.AA. germaniche. Dotati di uniformi, armamenti, e sussistenza italiani, dipese dalle unità germaniche solo per gli spostamenti. Il primo nucleo di tale organizzazione ebbe a formarsi fra La Spezia, Bugnato (SP), Ivrea (TO), e la Toscana.

Al Comando venne assegnata:
Fp. 80015 dal 4.5.44 e dal 5.3.45 la Fp 81200
a La Spezia PdC.781;
a Milano PdC.795;
a Lonato (BS) PdC.755

  Divisione Fanteria di Marina "DECIMA"

 

Agli ordini: Comandante J.V. Borghese, Vice C.F.Luigi Carallo ed alla sua morte CC.Rodolfo Scarelli. Viene costituita il 1° maggio 1944 a La Spezia raggruppando i vari battaglioni formatisi in precedenza fra La Spezia, Bruganto SP, Ivrea TO, e la Toscana.

1° Rgt. Fanteria di marina, agli ordini: Cm.te CC. Umberto Bardelli
Btg. Barbarigo, Fucilieri marina, agli ordini: TV. Alberto Marchesi, TV Giulio Cencetti
Btg. Lupo,Fucilieri marina, agli ordini: CCGN Corrado De Martino e successivamente TV. Dante Stripoli
Btg. N.P.,Nuotatori-Paracadutisti, agli ordini: Cap. G.N. Nino Buttazzoni

2° Rgt.. Fanteria di marina
Btg. Fulmine, Bersaglieri, agli ordini: TV. Renato Scordia e successivamente TV. Giuseppe Orru
Btg. Sagittario, Arditi, agli ordini: CC. Beniamino Fumai e successivamente TV. Ugo Franchi
Btg. Valanga (già "Tarigo"), Alpini, agli ordini: Cap. Manlio Morelli

3° Rgt. Artiglieria marina "I Condottieri"
I Gruppo Colleoni, agli ordini: Magg. Guido Boriello
II Gruppo San Giorgio, agli ordini: Ten. Giulio Abelli
III Gruppo Da Giussano, agli ordini: Cap. Agostino Pirri
Btg. Genio Freccia, agli ordini: CC. Filippo Amato di Bernardo
Btg. Compl. Castagnacci

a cura di Luciano Buzzetti

  Fanteria di Marina - Btg. "BARBARIGO"

barbarigo

 

1° Gruppo di Combattimento

Agli ordini: CC. Bardelli poi, Cap. Vallauri e succesivamente TV. Cencetti

Costituito a La Spezia nel novembre 1943 come "Battaglione Maestrale", venne inviato a Cuneo, da qui rientrò a La Spezia nel gennaio 1944 ed assunse la definitiva denominazione. Il 20 febbraio lasciò La Spezia per il fronte di Nettuno ove si schierò il 4 marzo a fianco del 235° Reggimento tedesco.

L'organico era composto:

- Comando e Comp. Comando
- Plotone arditi esploratori
- 1a Comp. "Decima" poi "Bardelli"
- 2a Comp. "Scirè"
- 3a Comp. "Iride"
- 4a Comp. "Tarigo" poi "S.Giorgio"
- 5a Comp. cannoni
- Comp. volontari "L'ultima", Cpt. di formazione Mauro Berti, creata con 109 volontari, per intervenire sulla Tuscolana, Cinecittà.

Ripiegò su Roma con gli ultimi reparti tedeschi e rientrò a La Spezia ove venne inquadrato nella "Divisione Xa" (giugno 1944). Operò brevemente in Piemonte e fu quindi trasferito nel goriziano ove nel gennaio del 1945 contribuì a fermare l'offensiva del "IX Corpus" slavo. Venne quindi impegnato tra Argenta e Imola sostenendo, il 20 aprile 1945, un breve scontro con i reparti del Gruppo di Combattimento "Cremona". Ripiega verso Padova ove si arrende agli Alleati.

Ebbe assegnata: Feldpost 85515 dal 19.5.44 al 3.10.44.